Trattamento con RPG per la Meralgia Parestesica

La meralgia è una condizione dolorosa (nevralgia tronculare) dovuta ad intrappolamento od aggressione del nervo cutaneo laterale del femore, nel punto di uscita dalla pelvi descritta per la prima volta al medico tedesco Roth nel 1895.

Chi è affetto da meralgia parestesica si lamenta di un dolore sordo, fastidioso, intorpidente, formicolante o di una sensazione di bruciore sulla faccia anterolaterale della coscia.

Questo tipo di problema clinico è abbastanza raro, ma quando si manifesta, talvolta in modo piuttosto fastidioso il paziente resta disorientato per le particolari caratteristiche della lesione.

Quando la meralgia parestesica provoca disturbi leggeri il paziente quasi sempre non gli dà nessuna importanza, ma particolarmente a questo tipo di disturbo, conviene invece fare la massima attenzione.

Ai nostri giorni è molto raro che un paziente abbia la meralgia parestesica dovuta a cinghie particolarmente strette e tali da provocare una lesione neurologica.

Il dolore può avere diversa intensità, da leggero a molto intenso ed insorge di frequente durante il movimento e si allevia a riposo.

Il nervo cutaneo laterale del femore origina dalla divisione posteriore di L2 ed L3 ed è solo sensitivo. Dopo l’emergenza dai fori intervertebrali il nervo attraversa l’addome, prima presentandosi sul bordo laterale dello psoas, poi attraversando obliquamente il muscolo iliaco fino alla SIAS.

Il nervo poi abbandona la pelvi attraversando le fibre del legamento inguinale medialmente alla SIAS. Il nervo è strettamente circondato dalle fibre tendinee del legamento inguinale fa una curva in senso orario ed abbandona l’andamento orizzontale che aveva nella pelvi per prendere una direzione più verticale nella coscia, dove si divide in una branca anteriore ed in una branca posteriore, che attraversano la fascia lata. Le varie ipotesi patogenetiche sulla meralgia parestesica si basano sulla stretta relazione anatomica tra il nervo e le altre strutture della regione inguinale:

1. Il nervo può essere piegato o compresso contro il bordo tagliente della fascia iliaca quando la perfora prima di uscire dalla pelvi attraverso il legamento inguinale.

2. Il nervo può essere sottoposto ad attrito quando si incunea tra l’attacco del legamento inguinale con la SIAS.

3. Il nervo può subire una compressione quando passa attraverso le fibre tendinee del legamento inguinale.

4. Il nervo può essere compresso quando passa sopra la cresta iliaca o dal sartorio o dal tensore della fascia lata.

Vi possono essere lesioni infiammatorie o neoplastiche soprattutto metastatiche, che possono dare questi tipi di disturbi, a cui inizialmente il paziente non dà nessuna importanza, ma che poi nei mesi successivi possono esitare in eventi anche drammatici.

Ulteriori fattori possono contribuire al danno meccanico sul nervo alla sua uscita da sotto il legamento inguinale come obesità, vestiti stretti o busti, pressione diretta sulla coscia nella regione del nervo, problemi posturali, cicatrici chirurgiche. La meralgia parestesica colpisce più il sesso maschile e può essere bilaterale in circa il 25% dei casi.

Il dolore è aggravato  dalla estensione, dallo stare in piedi o camminare per lunghi periodi, e alleviato dalla flessione.

Vi è nei tre quarti dei casi un punto doloroso sul legamento inguinale, due dita medialmente alla SIAS. La diagnosi differenziale è con patologie spinali, retroperitoneali, addominali, pelviche, diabete, ernia L2-L3 (che provoca un’alterazione del riflesso rotuleo, che non si verifica nella meralgia parestesica).

Comunque con una lombalgia concomitante dallo stesso lato il dolore in questa regione della coscia, più o meno accompagnato da sensazioni di tipo parestesico (come abbiamo detto bruciori, formicolii, etc.) è dovuto anche ad una “lesione articolare” delle prime vertebre lombari e soprattutto a livello di L2-L3. Vi può infatti essere un ramo irritato che va ad irradiarsi proprio su questa regione dell’arto inferiore.

È quindi importante che il Fisioterapista Professionista Specialista RPGista quando compaiono disturbi dolorosi nella regione esterna della coscia da qualche tempo, sottoponga il paziente ad una valutazione accurata per accertarsi che il problema sia dovuto a disturbi delle articolazioni del bacino o delle vertebre lombari e lo invii all’attenzione di altri specialisti qualora sospetti che il sintomo non derivi da una causa esclusivamente meccanica.

In rpg le posture elettive sono la Rana al Suolo 2° e 3° tempo con lavoro anche sulla fascia lata ed in piedi contro il muro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *