Pubblicato il

La Rieducazione Posturale Globale in pazienti con dolore cervicale cronico non specifico: analisi cross-over di uno studio randomizzato controllato

Un doveroso Grazie al Prof Paolo Pillastrini per aver pubblicato  un altro studio che dimostri come la RPG possa indurre effetti ipoalgesici, ridurre la disabilità e la chinesiophobia e migliorare la flesso/estensione nell’ambito, in questo specifico studio, del ROM cervicale

«La Rieducazione Posturale Globale in pazienti con dolore cervicale cronico non specifico: analisi cross-over di uno studio randomizzato controllato».

Obiettivo: Sono stati confrontati gli effetti della Rieducazione Posturale Globale (RPG) e di un intervento di Terapia Manuale (TM) in partecipanti con dolore cervicale cronico non specifico.

Metodi: È stata effettuata una analisi pre-trattamento e post-trattamento dei dati cross-over da un RCT. Settattantotto soggetti, affetti da dolore cervicale non specifico cronico, con età compresa tra 18 e 80 anni, hanno completato lo studio. Il gruppo che aveva ricevuto RPG è passato alla TM e il precedente gruppo trattato con TM ha ricevuto RPG per 9 sedute, una o due volte alla settimana. Le misure sono state valutate pre-trattamento e post-trattamento. Le misure di esito hanno incluso l ’intensità del dolore [Scala Analogo-Visiva (VAS)], la disabilità (Neck Disability Index), il range di movimento cervicale (ROM) e la chinesiofobia [Tampa Scale of Kinesiophobia (TSK)].

Risultati:La RPG effettuata sui partecipanti ha prodotto maggiori miglioramenti nel dolore [Difference (Diff)= -8.6; 95% CI= (-13.3; -3.8)], nella disabilità [Diff=-1.5; 95% CI=(-2.8; -0.1)], nella chinesiofobia (Diff=-1,8; 95% CI=(-3,2; -0,3)], e nella flesso/estensione cervicale [Diff=5,6; 95% CI=(1,8; 9,3)] rispetto al gruppo che ha ricevuto TM. Nel valutare il miglioramento clinico mediante le “Minimal Clinically Important Differences”, è risultato che la RPG abbia maggiormente ridotto in modo rilevante la disabilità cervicale rispetto alla MT [OR=2.13; 95% CI=(1.05; 4.35)], mentre il miglioramento del dolore non differiva tra i gruppi [OR=1,84, 95% CI=(0,85, 3,99)].

Conclusioni: Questi risultati all’interno del gruppo incrociato confermano i precedenti risultati di un RCT con lo stesso campione. La sequenza di trattamento (RPG-poi-TM vs TM-poi-RPG) non sembra indebolire gli effetti maggiori della RPG rispetto all’approccio TM per il dolore cervicale cronico. I nostri risultati suggeriscono che la RPG può indurre effetti ipoalgesici, ridurre la disabilità e la chinesiophobia e migliorare la flesso/estensione nell’ambito del ROM cervicale.

SORGENTE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *