Posted on Lascia un commento

LO STRETCHING GLOBALE ATTIVO APPLICATO ALLA PALLAVOLO – SGASOUCHARD

A cura di Fabrizio Martinelli

La pallavolo è uno sport il cui gesto atletico prevede l’utilizzo contemporaneo degli arti superiori e di quelli inferiori, impiegati nei movimenti definiti fondamentali di gioco, quali: battuta, ricezione, palleggio e schiacciata.
L’esecuzione corretta, nonché efficace di tali movimenti richiede notevoli doti di esplosività, flessibilità e coordinazione qualità fisiche in apparente contrapposizione tra loro per alcune metodologie di allenamento delle stesse .
L’esplosività non può prescindere da un precedente lavoro sulla forza, il cui sviluppo prevede l’utilizzo di sovraccarichi ed il conseguente effetto di accorciamento sulla muscolatura.
La sollecitazione continua degli arti, ai quali è spesso richiesto di esprimere la massima potenza ai limiti dell’escursione articolare può diventare inoltre fonte di sovraccarichi sia tendinei che articolari, influendo sulla prestazione dell’atleta.

Attraverso la pratica dello stretching globale attivo (SGA) è possibile ottenere un bilanciamento delle tensioni tra muscoli agonisti ed antagonisti indotte sia all’allenamento preparatorio in palestra che dal gesto tecnico specifico dello sport del volley.Con la auto-postura “in ginocchio con aiuto di un assistente”, è possibile ottenere lo stiramento della muscolatura anteriore sia degli arti superiori sia di quelli inferiori in una condizione di globalità.

La auto-postura seduta con il dorso al muro ed insistenza sugli adduttori lunghi permette un allungamento dei muscoli adduttori della gamba, posteriore del tronco e posteriore degli arti inferiori, l’allungamento del cingolo scapolare inoltre consente un riequilibrio delle tensioni esercitando un’azione di prevenzione nei confronti di eventuali sovraccarichi dell’articolazione scapolo-omerale.

IL CORSO DI SGA-SOUCHARD SI TERRA’ A TRIESTE

ORGANIZZATO DA AIRPG IN COLLABORAZIONE CON LA

UNIVERSITÉ INTERNATIONALE PERMANENTE DE THÉRAPIE MANUELLE UIPTM

DI PHILIPPE E. SOUCHARD

DOCENTE: FABRIZIO MARTINELLI

25-26-27 MAGGIO 2018 

PROGRAMMA

CLICCA QUI PER ACCEDERE ALLA PAGINA DEL CORSO

Posted on Lascia un commento

Impatto di una limitata flessibilità degli ischio-crurali su salto verticale, velocità di tiro, sprint, e agilità in giovani giocatori di football. – PubMed – NCBI

I risultati suggeriscono che la flessibilità dei muscoli Ischio-crurali sia un fattore chiave per l’esecuzione da parte di giovani calciatori delle competenze specifiche del calcio, come sprint, salto, agilità, e calciare. Questi risultati supportano la logica che la flessibilità muscolare deve essere specificamente addestrata in calciatori che iniziano in età precoce.

J Sports Sci. 2015;33(12):1293-7. doi: 10.1080/02640414.2015.1022577. Epub 2015 Mar 12.

Sorgente: Impact of limited hamstring flexibility on vertical jump, kicking speed, sprint, and agility in young football players. – PubMed – NCBI